Gramsci e Israele

Siamo al cospetto di un linciaggio mediatico (da più di 70 anni) contro lo Stato di Israele. Insegnava Antonio Gramsci, che non era Israeliano, peraltro per ovvie ragioni, il fatto che quando occorre da parte politica sottoporre a una delegettimazione un’altra parte (in questo caso uno stato) per rimuoverla, si prepara prima l’opinione pubblica. Di modo che uno stato legittimamente esistente in Medio Oriente senza più il sostegno dell’opinione pubblica, possa essere rimosso in maniera non democratica*.

(Io)

gramsci300

 

*Liberamente ispirato da questa perla di saggezza

 

Cosa succederebbe se i fascisti andassero al potere?

Niente.

Sicuramente la prima cosa che farebbero sarà cacciare gli immigrati. Dopodiché, quando non ci sarà più nessun extracomunitario tra le palle inizieranno a prendersela con gli ebrei. Ma oggi non siamo più negli anni ’30, oggi infatti c’è Israele e li ebrei non avrebbero problemi a salvarsi. Al quel punto i fascisti cosa dovrebbero fare per salvare la faccia? Ovvio, potrebbero dichiarare guerra a Israele.

E secondo voi vincerebbero?