Nel Paradiso degli Onesti

Nel Paradiso degli Onesti tutti hanno una casa e un pasto caldo.

Le case sono costruite con giunchi di bambù coltivati in apposite riserve bio, questo per evitare l’inquinamento provocato dal cemento armato e dalla speculazione delle lobby dei palazzinari.

I pasti vengono serviti nelle apposite mense pubbliche una volta al giorno. Ma il lunedì, il mercoledì e il sabato sera è d’obbligo per tutti osservare il menù vegano (sempre che il medico non prescriva una dieta per le persone con certe esigenze alimentari. Il medico, ovviamente non deve essere iscritto a Big Pharma ed essere scettico sui vaccini).

Nel Paradiso degli Onesti nessuno ha un lavoro, ma tutti hanno uno stipendio.

Il lavoro retribuito è stato abolito. Questo perchè chi riceveva uno stipendio era giocoforza costretto a venir pagato dal suo datore di lavoro, e se veniva pagato dal suo datore di lavoro significa che doveva perdere la sua capacità di giudizio autonoma e quindi sostenere robe astruse come la terra rotonda o negare cose palesemente ovvie come le scie chimiche e il signoraggio.

Lo stato elargisce a tutti un reddito di cittadinanza che sostituisce la vecchia pratica del lavoro retribuito. Un reddito uguale per tutti indipendentemente dalle capacità e dai bisogni.

Le grandi industrie e le banche sono state nazionalizzate. Ogni hanno viene eletto mediante suffragio on-line a sorte, un cittadino qualunque da mettere a capo dei rispettivi CdA. Unici requisiti rischiesti: aver compiuto 18 anni e avere la fedina penale pulita. Modalità di candidatura: un breve video di presentazione di 5 minuti massimo.

Le fattorie sono state collettivizzate e riunite in grandi spiegamenti di terreni, al fine di agevolare le coltivazioni a Km 0. Per garantire la massima genuinità delle colture, tutti i fertilizzanti sono stati vietati, l’uso degli OGM vietato per legge e anche i trattori sono stati vietati, in quanto si scoprì che andavano a benzina e provacano inquinamento. Ogni giorno le massaie si svegliano alle sette del mattino e si dedicano alla mungitura delle vacche. Il latte però non viene destinato all’alimentazione degli umani, ma all’alimentazione delle vacche stesse; poichè bere latticini prodotti da specie animali diverse da quelle umane potrebbe produrre cancro e pestilenze, nonchè apparrebbe come un evidente comportamento contronatura (si è mai visto un coniglio bere latte di montone? Eh??? Eh???). I bambini, come i loro antenati nelle indie del ‘500 (gli anni in cui sì che si viveva bene) bevono normale latte di donna come tutti gli altri, anzichè quelle brodaglie contronatura prodotti dalle multinazionali speculatrici. Anche i macellai sono stati aboliti, o ogni uomo o donna o animale può metter su famiglia grazie al matrimonio tra specie diverse.

In tutti i granai sono stati incisi gli immortali slogan del Movimento:

“ONESTA’ ONESTA’ LA KASTA NON PASSERA'”

“UNO VALE L’UNO TUTTI GLI ALTRI NON SON NESSUNO”

e ogni volta che i contadini iniziano a soffrire la fatica del lavoro, ecco che gli basta leggere gli slogan per trovare di nuovo conforto.

Il Venerdì non si lavora. Si osserva il giorno dell’Agorà. Si tratta di un rituale (a)religioso, (a)politico e (a)partitico dove i cittadini si riuniscono tutti sotto lo stesso meet-up e osservano alcuni precetti. Il primo precetto da osservare è quello della “votazione”. Si vota on-line su un determinato argomento già deciso e predeterminato. Possono votare soltanto tutti i cittadini che godono dei diritti civili e politici e che hanno fatto la prima comunione.  Per tutti gli altri, il secondo precetto da osservare è la “confessione”, dove ognuno  in maniera del tutto trasparente (ma senza streaminig) confessa i peccati commessi durante la settimana. Per ottenere l’assoluzione plenaria, il confessante deve recitare a voce alta e cantilenante la formula “E ALLORA IL PD?????” e verrà automaticamente assolto dai suoi peccati.

Nel Paradiso degli Onesti, tutti sono onesti e non esistono reati e malversazioni. Capita però che a volte appaiano certi dissidenti che predicano pensieri e comportamenti eterodossi. Persone cattive che abbattono alberi, venditori di tabacco sotto banco o che tengono nascoste le bistecche nel frigorifero.

Questi non sono altro che agenti della Kasta sotto copertura che tentano di inquinare l’armonia della comunità gettando discordia e discredito. Essi vengono puniti severamente attraverso opportuni tribunali del popolo, e vengono deportati in opportuni campi di rieducazione dove  dopo un duro e rigido percorso fatto di dieta vegana quotidiana e massacranti esercizi di yoga, vengono riportati sulla via dell’onestà.

Annunci

4 pensieri su “Nel Paradiso degli Onesti

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...