Il Ras della Fossa Vs Il Ducaconte Balamban

Non so se restare perplesso o inerte di fronte all’ondata di iporcrisia sulle ultime posizioni della sig.ra Le Pen riguardo gli scontri di Parigi. Potrei capire il suo disagio se fossimo davanti a una delle tante rivolte meticcie delle Banlieu, ma qua siamo davanti a qualcosa di ben più serio, siamo di fronte alla lotta di persone disperate per non perdere gli ultimi residuali diritti sul lavoro.

Ma non è tanto il problema dell’ambiguità della Le Pen sulla Loi Travail e gli scontri che ha causato ma tanto l’indefessa ipocrisia dei suoi supporters nostrani, così bravi ad invocare la guerra partigiana su facebook e poi appena si trovano davanti la violenza vera e propria svolazzano al vento un velo ridicolo di indignazione.

Quando ho capito che aria tirava non so perchè ma m’è venuta in mente quella scena di Fantozzi al cospetto del  il Megadirettore Galattico  Ducaconte Balamban. Dopo che Fantozzi, fomentato dalle idee inculcate dal sindacalista Folagra, lancia un sasso contro la vetrata della megaditta in segno di protesta, viene portato dinanzi al Megadirettore, il quale, dopo un pistolotto sui benefici della concertazione infila Fantozzi dentro l’acquario dei dipendenti.

Ecco, questo è il problema della maggio parte dei rivoluzzzzzzionari d’oggi. Vorrebbero fare il Ras della Fossa, ma a conti fatti diventano come Fantozzi davanti al Megadirettore.

 

 

 

Annunci