Trumpobama

 

Quando ascolto i supporter nostrani di Donald Trump mi insorgono una serie di reazioni emotive che vanno dall’istinto omicida,  alla pietà compassionevole passando per l’ilarità e la rassegnazione.

Non hanno argomenti seri per parlare bene del loro beniamino, e se ce li hanno se li inventano. Oggi va di moda ad esempio l’idea che Trump sia un pacifista, amico dei popoli che vuole porre fine a tutte le guerre e vuole creare un clima di distensione con Russia e Cina. Quest’ultima è una sparata bella buona.Se è vero che Trump sembra più vicino a Putin che altri suoi avversari nel GOP, e abbia tuonato contro la Guerra in Iraq, questo isolazionismo e questa distensione sono tutte da dimostrare. Innanzitutto perché Trump non ha nessunissima intenzione di distendere con nessuno. Lo ha fatto ben capire fin dall’inzio nella sua campagna elettorale quando ha enunciato di voler muovere, economicamente parlando, guerra alla Cina, che per chi non lo sapesse, è un solido alleato dei Russi. Trump ha inoltre ricevuto l’endorsement di Sarah Palin, sì quella che voleva lanciare la bomba atomica contro Mosca. Coincidenze? Io non credo.

Si dice poi che Trump sia odiato dall’estabilshment perchè è un uomo libero e indipendente, che non può essere influenzato dalle lobby. Questo è vero ma solo in parte, visto che Trump non può essere influenzato dalle lobby perchè è esso stesso una lobby. O credete che le palazzine le costruisca senza scopo di lucro come Bertolaso?

Ma è inutile che tu spieghi questi fatti elementari ai donaldiani locali. E’ la stessa gente che nel 2008 sbavava per Obama, e che rifulgevano in lui tutte le loro ingenue speranze verso il futuro. Dopo otto anni ci ricascano ancora. Non c’è da stupirsi, visto che sono tifosi occasionali.

Il tifoso politico si distingue dal tifoso calcistico come un drogato che fuma cannabis si distingue da un tossico che sniffa eroina. Oh, per carità, non è che i tifosi di calcio brillino per intelligenza, ma se dovessi scegliere con chi andare a cena sceglierei tutta la vita un tifoso di calcio rispetto a un politicante. Perchè almeno loro non paventano chissà quale suepriorità intellettuale, che da secula seculorum è roba da politicamente corretti. Quindi il tifoso politico, soprattutto quello che sostiene Trump, si rassegni, visto che per questi fatti  è anche lui è politicamente corretto.

Annunci